IL SALUTO DEL MOVIMENTO 5 STELLE E DI ALCUNI COLLEGHI A PIERO GATTI

0

Le persone che lo hanno incontrato, conosciuto e vissuto in tutti questi anni, vogliono salutare e ringraziare Piero Gatti, l’architetto!

Francesca Amore (Consigliere 5 Stelle)

“Piero è stato, sin dalla nascita del Movimento, un attivista appassionato, impegnato e presente. Pochi grossetani sanno però che è stato innanzitutto l’autore (assieme a Paolini e Teodoro) della mitica poltrona Sacco prodotta da Zanotta, icona pop del design italiano fine anni 60. Vincitrice del Compasso d’Oro nel 1970, la poltrona fu esposta al Moma di New York nel 1972. Piero aveva tanto da dire e da raccontare, peccato che la città di Grosseto non si sia accorta della sua presenza. Piero meritava di più!”

Omaggio del M5S GR a Piero Gatti

Giacomo Gori

“ricordo come se fosse adesso il giorno in cui ho conosciuto Piero. Sapeva del mio interesse sulle energie rinnovabili, sulla bioedilizia, sulla permacultura. Sì, già conosceva la permacultura! Era affascinato dalle case in paglia ed aveva una voglia matta di rottamare i vecchi stereotipi. Di lì ad approdare al M5S, per uno come Piero, il passo fu molto breve. Iniziò una fattiva collaborazione che lo portò a candidarsi alle elezioni amministrative del 2011 per continuare poi ininterrottamente il suo impegno in termini di quantità e soprattutto di qualità. Soltanto la morte poteva interrompere la voglia di fare di Piero. La morte ci ha portato via una brava persona ed un valido attivista.”

Giovanni Fontana Antonelli  (Architetto)

“E’ morto un maestro, lui che non voleva insegnare

Il profilo importante, la figura elegante

Un pezzo della nostra storia migliore

Quella che abbiamo esportato in tutto il mondo

Design Made in Italy lo chiamano, oggi pure un po’ Vintage

Lo ricorderemo per questo?

O per le sue idee nude e originali

Dall’industriosa Torino ai tempi dilatati della Maremma

Uomo contro, intelletto vivace, al servizio della libertà

Sit tibi terra levis”

Massimo Viti  (Architetto)

“Conobbi Piero nel 1996. Partecipammo insieme ad un concorso di architettura sul Water-front di Greenport. Era appena atterrato a Grosseto, come un marziano  direttamente dalla capitale del design ma preceduto dalla sua aurea di luce e di fama. Rimasi impressionato dallo spessore della sua cultura e dalla vivacità della sua mente, calmo irrequieto mai arreso al sogno ed alla voglia di cambiamento.”

Emanuele Perugini

“ho avuto la fortuna di incontrarti come amico e come attivista e la tua ironia squisitamente piemontese saranno per me il tuo ricordo negli anni a venire. Fai buon viaggio ovunque tu sarai.”

Claudia Tafuto (attivista)

“Sei sempre stato uno spirito libero, un pesce fuor d’acqua in questo mondo malato. Adesso sei più libero che mai, buon viaggio caro Piero ti ricorderò con affetto!

Mirella Rossi (attivista)

“Ruvido e nello stesso tempo dolcissimo, gli ho voluto bene da subito istintivamente, mi mancherà.

Condividi Notizia

Lascia un tuo commento per questa Notizia

82 − = 73