AUTOSTRADA TIRRENICA: seconda interrogazione parlamentare M5S

15

Per difendere l’Aurelia e la Variante dal furto che la trasformerebbe in una delle autostrade più care d’Europa, con un danno enorme all’economia del territorio maremmano oltre che al suo ambiente, i cittadini agiscono su più fronti: attraverso manifestazioni, incontri con le istituzioni e atti pubblici, tra cui l’ultima interrogazione parlamentare targata M5S in cui si chiede al Ministro Lupi (Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti) di rispondere in merito al chiaro conflitto di interessi che si configura col doppio incarico di Bargone.

 

Il testo della seconda interrogazione M5S recentemente presentata:

Interrogazione a risposta in commissione 5-01880 presentata da DE LORENZIS Diego, testo di Mercoledì 15 Gennaio 2014, seduta n. 152

DE LORENZIS, LIUZZI, L’ABBATE, DE ROSA, NICOLA BIANCHI, CRISTIAN IANNUZZI, CATALANO e TOFALO

Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti – Per sapere –

premesso che:

– la SAT (Società Autostrada Tirrenica), s.p.a è una società costituita nel 1968 a cui è stata affidata in concessione dallo Stato la costruzione e la gestione dell’Autostrada Livorno-Civitavecchia A 12, di chilometri 242;

– attualmente la SAT Spa opera sulla base della Convenzione di concessione sottoscritta l’11 marzo 2009 e resa efficace dal 24 novembre 2010 a seguito del recepimento di prescrizioni imposte dal CIPE;

– nel 2003 viene nominato presidente della SAT spa, Antonio Bargone, carica che mantiene tutt’ora;

– Antonio Baragone è un avvocato che è stato eletto per la prima volta deputato della Camera nel 1987 con l’allora partito comunista ed è diventato Sottosegretario di Stato per i lavori pubblici nel primo governo di Romano Prodi, ma anche nel primo e nel secondo governo di Massimo D’Alema (dal 22 ottobre 1998 al 27 aprile 2000) con delega alle autostrade;

– nel 1998, durante un difficile periodo economico per SAT spa, viene effettuato un aumento di partecipazione pubblica nell’azionariato della società in oggetto che riceve 172 miliardi e 500 milioni di lire;

– nel 2010 l’ex Ministro Matteoli (che in quel periodo contemporaneamente rivestiva la carica di Ministro ma anche il ruolo di sindaco del comune di Orbetello, comune che è sulla tratta dell’autostrada in oggetto), nomina commissario straordinario del Governo per la costruzione dell’autostrada tirrenica, Antonio Bargone, che si trova a rivestire contemporaneamente il ruolo di presidente per la SAT spa e di Commissario straordinario per conto dello Stato;

– la Società Autostrada Tirrenica s.p.a, si configura come una SpA a capitale misto, di cui la maggioranza delle quote è in mano privata, suddivisa per gran parte tra «Autostrade per l’Italia S.p.A.» (riconducibile al controllo del gruppo Benetton), «Holcoa S.p.A.» (holding di concessionarie autostradali i cui azionisti sono CCC, CMB, CMC, Unieco, Cooperare e UGF Merchant) e «Vianco S.p.A.» (partecipata al 100 per cento da Vianini Lavori S.p.A. del Gruppo Caltagirone) che detengono poco meno del 25 per cento a testa del capitale sociale. Il «Monte dei Paschi di Siena» detiene circa il 15 per cento delle quote azionarie e la «S.A.L.T. S.p.A.» poco meno del 10 per cento. Il resto dell’azionariato, inferiore all’1 per cento dell’intero capitale di SAT Spa, è suddiviso tra Camera di commercio, industria e artigianato di Grosseto, Camera di commercio, industria e artigianato di Viterbo, e le amministrazioni provinciali di Grosseto e Viterbo;

– l’avvocato Antonio Bargone, è stato anche Presidente di «Unionsoa» per sette anni fino all’11 settembre 2013, data in cui ha assunto la carica di presidente onorario. Unionsoa, «Associazione Nazionale società organismi di Attestazione», conta 12 associate SOA. Le SOA – società organismi di attestazione – sono disciplinate dal decreto del Presidente della Repubblica 25 gennaio 2000 n. 34 (così come modificato dal decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 2004 n. 93), che le istituisce attribuendo loro il compito di rilasciare «l’attestato di qualificazione» che abilita le imprese alla esecuzione di appalti o subappalti di lavori pubblici di importo superiore a 150.000 euro su tutto il territorio nazionale;

– la società Autostrada Tirrenica spa è una società per azioni che al pari di ogni società per azioni, a prescindere da chi possegga il capitale, è sempre una società commerciale e risponde, ancora prima che alle leggi, all’articolo 2247 del codice civile che ne stabilisce l’obiettivo: «Con il contratto di società due o più persone conferiscono beni o servizi per l’esercizio in comune di una attività economica allo scopo di dividerne gli utili», ovvero fare un utile e dividere i dividendi tra gli azionisti;

– nell’ordinamento italiano il commissario straordinario è un dirigente pubblico nominato dal Governo, per far fronte ad incarichi urgenti o straordinari nella pubblica amministrazione, tramite un accentramento o un aumento dei poteri e un’azione in deroga. La figura del Commissario straordinario è stata istituita dalla legge 400/88, che tra l’altro stabilisce: «al fine di realizzare specifici obiettivi deliberati dal Parlamento o dal Consiglio dei ministri, o per particolari e temporanee esigenze di coordinamento tra amministrazioni statali, può precedersi alla nomina di commissari straordinari del Governo». I commissari straordinari possono operare tramite procedure accelerate, e in deroga alla normativa vigente, ad esempio, possono assegnare senza bando di gara d’appalto, ma a propria discrezione, i lavori pubblici; appare quindi ad avviso degli interroganti incomprensibile fuori luogo e in palese conflitto d’interessi, il doppio incarico affidato ad Antonio Bargone che deve quindi, da presidente tutelare gli interessi della SAT spa, interessi legati alla divisione degli utili tra i soci della spa e da commissario assicurare gli interessi dello Stato che non sono legati alla divisione degli utili, bensì alla possibilità, qualora ci siano tutte le condizioni idonee, di fornire il miglior servizio possibile ai cittadini;

–:  se il Ministro ritenga di intervenire in merito al doppio ruolo di Bargone che deve da una parte tutelare gli interessi privati e dall’altra tutelare gli interessi pubblici, cosa che secondo gli interroganti implica un chiaro conflitto di interessi, e se il Ministro sia a conoscenza di altri ruoli o compiti assegnati ad Antonio Bargone, da parte dello Stato o, qualora sussista un obbligo di comunicazione dei medesimi, da parte di privati.

(5-01880)

 

Qui sotto alcuni estratti della manifestazione NO SAT DAY 2, tenutasi a Firenze lo scorso 26 Febbraio, sotto al Consiglio della Regione Toscana:

NO SAT DAY 2 su RTV38: http://www.youtube.com/watch?v=1PTGyf2T2D4&feature=share

 

NO SAT DAY 2 su Toscana Media Channel: http://www.youtube.com/watch?v=k5wbjJp0s2M&sns=fb

 

 

Al momento di scrivere questo comunicato siamo nuovamente in viaggio verso Firenze per essere ricevuti in audizione dalla VII Commissione Mobilità e Infrastrutture del Consiglio Regionale della Toscana. Seguiranno aggiornamenti sull’esito dell’incontro.

 

MoVimento 5 Stelle Grosseto

Condividi:

15 commenti

  1. Pingback: ed pills for sale

  2. Pingback: ed pills otc

  3. Pingback: cheapest ed pills online

  4. Pingback: viagra 50mg

  5. Pingback: online pharmacy viagra

  6. Pingback: tylenol cost

  7. Pingback: online pharmacy viagra

  8. Pingback: cialis india

  9. Pingback: lumigan generic cost

  10. Pingback: how much is viagra

  11. Pingback: generic viagra 100mg

  12. Pingback: cialis 10mg price

Lascia un tuo Commento